ESC a Jönköping, Svezia Blog dei volontari

06/12/2021 Fabiana Paoli

La mia esperienza di ESC presso il centro di aggregazione giovanile Råslätts fritidsgård è stata finora entusiasmante. Lavoro quotidianamente con ragazzi dai 10 ai 19 anni, i quali vengono da noi ogni per passare qualche ora insieme ai propri amici e svolgere attività ricreative.

Lavoro insieme ad uno staff molto giovane, in un ambiente fortemente interculturale e dove il lavoro di gruppo è centrale. Insieme ad un altro volontario ESC, siamo coinvolti nello sviluppare progetti educativi, sia nel centro sia nella vicina scuola, su diverse tematiche, come democrazia e cittadinanza europea, oppure nel promuovere le opportunità di mobilità europea.

Sto riuscendo a mettere a disposizione tutte le mie risorse ed interessi personali, al di là della mia istruzione universitaria. Per esempio, sto aiutando i giovani nella ricerca di lavoro all’estero, nello studio, oppure nel prendere piena consapevolezza della realtà europea.

C’è sempre un sacco di lavoro, perché le idee non finiscono mai. Sto imparando ogni giorno immensamente, ogni situazione è una preziosa esperienza di apprendimento informale. Il modello di lavoro svedese sulla gioventù è estremamente curato e condiviso tra scuola, associazioni sportive, centri di aggregazione, servizi sociali e polizia.

Sto imparando la lingua svedese, la quale finora mi è apparsa molto intuitiva. Dopo 3 mesi riesco ad avere semplici conversazioni con i ragazzi, le quali mi aiutano ad integrarmi e ad essere accolto. Il paesaggio naturale svedese è incantevole, a lunghi tratti incontaminato. Con l’arrivo dell’inverno e delle prime nevicate, diventa tutto ancora più magico.

Mattia, 29 anni